*

Salvatore Leone

L’ortica

il ragazzo con le ortiche
corre per le vie del quartiere
vuole fregarle sulla mia pelle

e quel giorno un rifugio
pavimenti abbandonati
grandi scatole, cartone
sandali rubati a saldo

la guancia piatta
sul pilastro di cemento
arrossiva al tormento

una preghiera rivolta alle vetrate
sfatte di pioggia
ma Dio non è sempre accorto
e lo lasciò godere

oggi non ha  urticanti alle mani
le rughe dell’indecenza segnano un sorriso,
una supplica

View original post

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s