:

Dei miei contorni

1
ha un giardino e vista sul mare
eppure barcolla insieme all’oro
la bocca conforme ad un cristallo
racconta di Eolo, fate e mozzorecchi
stridula, abbina colori che non sanno amarsi
2
e incontro mio padre dimezzato
balla e canta su una gamba
oggi farebbe a meno anche del braccio
lui che mi guarda come se fossi – del tutto intero
3
c’è chi ha scelto l’ulivo più bello
dove appendere la testa e riposare
spiegava rose ad un porcile – e pertanto dimenticato
stasera indosso una camicia sgargiante
4
poi ci sono feste con Margherita che è troppo alta
occhi blu ad una barba incolta
il bacio di un cannibale promette – brina
sembro pietra, sorrido
forse senza collo, forse ancora in piedi


Salvatore Leone 2014

Advertisements

10 thoughts on “:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s