A”

Amori sgrammaticati

Antonio la sa lunga
e dorme senza cuscino
se marcire è un verbo
immaginario

quando mangia rutta sereno
pulisce la bocca – sul polsino
bestemmie per quella faccia colta
da sindrome di Dio

non importa dei pantaloni
tre taglie più grandi
– né del futuro semplice
scivoleranno ad ogni passo
se d’imbarazzo alcuno

“t’amavo d’ingenua abbondanza
ah – se ti avrei nelle mie braccia ora”


ricorda un amore dal congiuntivo
perfetto, che arrangiava frottole
in consecutio temporum

la sa lunga e sogna
braccia con due mani addosso
una fitta sgrammaticata

Salvatore Leone 2014

Advertisements

5 thoughts on “A”

  1. queste tue “visioni” mi acchiappano un sacco Salvatore. Mi ci perdo piacevolmente. Leggerti ha qualcosa di coinvolgente. Bellissima anche questa. Ciao

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s