%

Salvatore Leone

La civetta

mi fingo poeta
perché ho la fronte ustionata
dal sole di ieri

e rubo teste al tempo estorte

prendo quel caffè ogni mattina
in compagnia di un integralista
pieno di barba – e in errore di sintesi
lo stupore sgrana i passanti

libero il respiro, una tempia
ad ogni costo, faccia, ingiuria
il biasimo che mi scuote le spalle

“sei un viziato”

l’amore è una bestia smodata
si dimena dove mai fu concesso
sfida i venti e morde terra

maniaco dei cieli corteggio
l’universo come una civetta scaltra
con i denti di un cieco
e il ventre a doglie

un cascamorto

che implora parole di cui – fin qui
nessuno lasciò tracce


Salvatore Leone 2013

View original post

Advertisements

3 thoughts on “%

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s