R


con Arthur Rimbaud

Preghiera della sera

*
Vivo seduto, come un angelo nelle mani di un barbiere,
impugnando un bicchiere dalle profonde scanalature,
l’ipogastro e il collo arcuati, una «gambier»
fra i denti, sotto l’aria gonfia di impalpabili velami.

Come caldi escrementi di un vecchio colombaio,
Mille Sogni procurano dolci bruciature:
poi, d’improvviso, il mio cuore triste è come un alburno
che insanguina l’oro giovane e scuro delle linfe.

Poi, quando ho ingoiato con cura i miei sogni,
mi volto, bevuti più di trenta o quaranta bicchieri,
e mi concentro per mollare l’acre bisogno:

mite come il Signore del cedro e degli issopi,
io piscio verso i cieli bruni, molto in alto e lontano,
approvato dai grandi eliotropi

**
seduto, come l’arcangelo nudo di una bancarella
stringo la turgida luce, l’incarnato che guizza
“passabocca” venato di una rosa

rinfusa di perle gettate agli angoli
inebriano il senso – del miele e del cedro
poi, il mio petto è un cielo buio
acqua insipida di rocce inumate

placato dalle pioggie che a Dio avrei rubato
mi piego disonesto, insieme al vento
e le umide caviglie

fermo come il Signore dei gelsi e del ciliegio
io piscio sui miei roghi, così basso e profondo
ripudiato anche dal tuo inferno

con *Arthur Rimbaud – **Salvatore Leone 2015

Advertisements

3 thoughts on “R

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s