L’e


L’ebreo errante

appena nato – non piansi
strattonato lì, su un tavolo
cento lumini e santi
credevano fossi morto
mi presero come un morto,
poi mi arresi alle scene d’acqua
e tutti gridarono al miracolo

quando nacqui, avevo già sbagliato
il mio venire al mondo
la regola del pianto

come l’ebreo errante
mi diedero tre nomi
uno che non perdesse la stirpe
il secondo, del martire decollato
e il terzo – lo ha detto il mio vicino

l’errante era congenito, nel sangue
annusando ogni angolo di terra
sabbia di un deserto a me caro
ghiaccio che rovina le ginocchia

dovrei confessarlo
ripudiato da ogni confine
e di questo vagare lungo il delirio
maledetto da ogni pietra e mare
non mi torna la morale
non ricordo che qualcuno abbia bussato
alla mia porta

appena nato – non piansi
sapevo già di non avere un posto
dove allungarmi rigido, e dormire

Salvatore Leone 2015

Advertisements

3 thoughts on “L’e

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s