E’



E’ tardi

è tardi
apprezzo la stasi del corpo
flemmatico
condizione dell’essere altrove
e la finta di bere un tè
con la noia che ti rende elegante

è tardi per parlare di Hegel
le nostre mani non hanno il tempo
dello stringere – capovolgere
si è consumato ogni minuto
a sopportare il sole
inclinazione di un abbraccio
sacrosanta congiura

se non fosse tardi
imbarazzo – pessima postura
morirei in un dubbio perfetto
commedia d’acqua che bacia terra
non è spergiurare germogli
il superfluo dell’urlo

Salvatore Leone 2015

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s