***

clochard

Una notte da clochard

destinato al futile
donnine, plastica e la seta
i miei capelli profumati
chiusi porte e finestre
così viziato, volevo essere
il miserabile, un’aura di lusso

disteso al gelo
ero il miserabile dei miserabili
anima pregiata che sorride nell’erba
le piansi addosso, brillava indifferente
volevo essere Carro, Orsa, Vega
bagnato – immerso nella via lattea

di ogni sorte apparente, asfalto, ponte
sul marciapiede, non sarò finalmente nudo

è commedia la luna
il freddo, l’orizzonte grigio
fingersi mano che rovista il tozzo di pane

sognavo d’essere il miserabile

addestrati ovunque di ceroni e parti
si muore per un angolo di cartone
accattorciato come foglia secca
ritornai nella mia inutile carne

Salvatore Leone 2013

Advertisements

14 thoughts on “***

      • E’ sempre in scena. ma è più semplice non guardare ciò che si vede…
        un giorno scrissi: ci rivedremo lì, in orizzontale, dove la vanità tace. ovvero, come hai ben detto tu: l’inutile carne.

  1. Ci vedo realtà, di quelle a braccia aperte ed occhi al cielo. Di quelle che punzecchiano gli occhi, perchè ce ne sono di cose che fanno male agli occhi e non solo.
    E ci vedo metafora, di quelle che possono diventare tutto in un minuto e poi disfarsi e ricominciare daccapo.
    Non so cosa pesa di più in questo mio sentire dopo aver letto, ma pesa e questo mi basta.
    (ciao Salvatore, sempre un piacere venirti a trovare.)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s