:

Ho visto un colore che non saprei spiegarvi

mentre dormo – non è insonnia
l’anima fugge dal corpo
in stato confusionale, si guarda intorno

all’alba ritorna dentro la pelle
è un atroce dolore che paralizza la lingua
riavere le proprie carni
e non c’è aria in questa stanza
mani stringono la gola
un peso al ventre, angoli di cuscino
che ripiegano il viso
vorrei parlare ma non posso
gambe e braccia immobili

da qualche parte ho visto un colore
che non saprei spiegarvi
rosa e oro, glicine, indaco, un accenno
bruno, tutti in uno insieme al bianco
il suo profumo non saprei dirvelo

non è insonnia
da qualche parte si è felici
si cammina senza alcun supporto
un fluttuare che non saprei dirvi
ho sentito un amore indicibile

Advertisements

10 thoughts on “:

    • Un bel viaggio si! E’ in questi viaggi che scopri come scienza e paranormale siano la stessa cosa. Usano soltanto termini differenti, ma la sostanza è una, ancora fanno finta di non capire. Religione e scienza che litigano sulla natura dell’anima mentre parlano della stessa cosa, ma non conviene ammetterlo! Di là c’è dell’altro, ne sono sicuro. Buona giornata!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s