:,

Terzo senso

conosco quel profumo
da almeno tre secoli
corteccia, neve appena colta
tè bianco e cedro
che sia fatica, spezia umida

nei giorni dell’acqua
battaglie estese
ad ogni cenno e tratto
un odore che non mi spiego
insieme al vento si fa spietato

poi, un sussurro, sa di pulito
sovrasta, smonta, carezza il petto
ci sono volate che non hanno santi
non sentono ragioni

stamane, percorrevo assorto
un marciapiede qualsiasi
senza alcun dubbio – è passato da qui
ed io inebriato, malfermo

Salvatore Leone 2015

Advertisements

10 thoughts on “:,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s