|/.


Nella freddura ionica

nella freddura ionica
di urticanti rosa
il parco giochi era ampiezza
un manicomio abbandonato
con primule e fessure
piastrelle verdi consumate
dagli urli rimasti

al centro del salone
ero pirata, ladrone di oceani
la spada in gomma – poi suonava
illuminato a giostra
volteggiavo odore vecchio
muffa ed oleandro
sostenuto dai grandi dementi

non ho mai saputo cosa ci fosse
dietro le vetrate così alte, gotiche
ad orecchio di coniglio
dove il raggio era incline
mi uccideva

Salvatore Leone 2015

Advertisements

13 thoughts on “|/.

  1. Io ho sempre pensato che tu fossi un poeta ermetico e cioè negassi il valore comunicativo della parola in sé e dessi invece il massimo risalto al suo potere evocativo. E così ho interpretato le tue poesie, dando valore all’eco che le tue parole lasciavano dentro me con la lettura. Io, sia in veste di lettrice, sia di autrice, non trovo esageratamente rilevante capire il significato letterale della singola frase. Citando ad esempio “la freddura ionica di urticanti rosa” , mi basta che questo verso lasci in me una la sensazione fredda e pungente. Se invece che del mar Ionio tu parlassi di un bizzarro capitello in freddo marmo, pieno di crepe, da cui pende un tralcio di volenterose spinosissime rose canine, cresciute nelle crepe, ecco, a me la poesia farebbe lo stesso effetto… solitudine, rimpianti, abbandono, infanzia per sempre perduta… memorie dolorose…qualcosa di malinconico, polveroso, che sembra dividere chi scrive dal resto del mondo. La tua poesia mi piace moltissimo. 🙂

    • Grazie Silvia per questa bellissima e minuziosa descrizione della mia poesia che comprendi perfettamente, per come hai interpretato questo testo, ti è arrivato così com’è. Si, spero soprattutto di essere evocativo, però bisogna trovare gli equilibri giusti per non rimanere incompresi. Mi piace il lettore attento che si ferma per qualche appunto, perchè magari è davvero coinvolto nella lettura, altrimenti non credo che si fermerebbe a chiedersi altro. Grazie ancora, la stima è reciproca! Un saluto, ciao!

      • Sto passando un periodo piuttosto minimalista, ma sono sempre molto interessata all’argomento del potere della parola e delle valenze che può assumere nella composizione poetica. Per me è un grande piacere scambiare idee e opinioni. Grazie delle parole gentili, buona serata a te!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s