Avi e progenie

a colazione                                                               mi insegnò a parlare
cetrioli e miele                                                      con le tortore

il padre di mio padre                                                   il padre di mia madre
era Salvatore                                                               amputato di un arto
padre-padrone                                                         allacciava scarpe e panieri
gessato nero e brillantina                                   con una mano, due dita
un bastone d’avorio                                                       viveva in una piccola
casa
e postura d’onore                                                      sul grande ficus

detestava il mio sorriso                                         una terza moglie – ormai fragile
promessa d’inverno non mantenuta                        dolciumi nascosti per me
lui che non parlava  mai                                     lui sorrideva se giocavo
quel giorno disse                                                           con le sue guance

‘o masculu profumu picca                                   non parlava mai, sorrideva

a raccogliere lumache                                                       voliere ed uccelli
nel grano di Agosto                                                  che restavano chiusi

segreto di una cava                                                     andati, ridotti
due, tre ossa
e inseguivo cinghiali                                                      un giardino di conigli bianchi
brezza                                                              il verso della tortora
all’alba
lungo il ruscello                                                                      quel braccio
sintetico
di un bosco interrato                                               che lui non voleva, poggiato lì

sono nato da un padre                                                    sono nato da una madre
che mi ha pregato di toccare                                      che mi ha pregato di non toccare
il cielo                                                                 nulla


                                *il verso della tortora è così lamentoso e ossessionante
              che nessuno gli ha mai dato un nome nella vana speranza che la bestiaccia si          estinguesse offesa. Vorrei dare un nome a questo verso: il turtullo, la tortora turtulla.

Salvatore Leone 2015

Advertisements

9 thoughts on “

  1. Mamma mia, è incredibile! Meravigliosa, che vuol farsi leggere e che gioca a fondere ed a rubare versi… sembra che la parte saccente cerchi di rubare versi alla parte sincera e semplice… ma non vi riesce!
    Qui non vi è solo e semplice poesia (semmai la vera poesia possa esserlo, malgrado se ne vesta), qui c’è fantasia di esposizione ed arte che abbraccia arte!
    Meravigliata!
    Brigida

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s