445


Poesia nera

Ho una poesia nera
necrologio del cuore
senza date, fratelli
ad annuciarne il dolore,
si legge appena
scritto con la pece
l’indice tenero di bambino
nell’odore appassito
un nastro viola
e cento prefiche

non riposerà in pace

non si accettano fiori
vi dispensiamo dai baci
e dalle strette di mano.

Salvatore Leone 2015

Advertisements

8 thoughts on “

    • Si, quello è il suo unico pregio, ma quando è soltanto la voce del dolore, impetuosa con la sua sintesi, non so. Lo comprenderò finchè sarà necessario, non dobbiamo permettere che straparli inutilmente.

      • Ma questo è molto difficile saperlo prima… più che inutili si spera nn solamente dannose (scusa la pedanteria) , ché col tempo possono sempre fare esperienza (ammesso serva anch’essa) . Fasi.

      • Possiamo dire così, non solamente dannose. Anche se in generale non amo il paradosso del nulla che può manifestarsi solo attraverso le nostre decisioni. Posso dargli ascolto finchè è sincero, se è possibile giustificarlo.

  1. Il nero mi affascina … È come attraversare la parte ombrosa, in senso lato, del nostro essere umani… Come per esempio dopo un lutto…. È la notte che gioca di dialettica col giorno…. Un saluto

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s