….


Un amico

non so chi ha scelto queste lenzuola
dove si addormentano fattezze
divaricate nell’infiorata
e tutte le visioni, amico
dipingono il soffitto

siamo due, tu giochi al silenzio
pugni stretti e un sorriso da schiaffi
ed io, sbaglio sempre
stamane, la tua faccia è sulla parete di fronte
dal mio labiale capirai quanto se voglio bene
è palese, sono il tipo che diventa rosso
ma non provo vergogna, se vuoi ripeto, e lo ripeto

hai seminato il mare su questa schiena
non è più arida, quanto germoglia
detesto e perdono la tua cera
di bambino che l’ha fatta grossa
mentre vorresti solo sparire
avvicinati, avvicinati, non è nulla
e non è grave

muoio, adoro esserti complice
in questo enorme danno
parleremo di spalle, dorso a dorso
senza l’imbranato degli occhi
e le scapole un incastro
che si sta da Dio

Salvatore Leone 2015

Advertisements

2 thoughts on “….

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s