;


Barba e capelli

Seduto qui, rovisto la pioggia
ferma negli angoli
mi pizzico le labbra dal giorno
in cui – voltasti le spalle
nelle campane tirate a lucido
che squassano i cieli
sorrisi rimontati in fretta
tredici tocchi e malori al centro
dello stomaco, ti piegarono
davanti agli ospiti eleganti
suocere sgranate
neanche avessero vinto la pietra di Mosè
un orsacchiotto bianco al tiro a segno

Se adesso ho poca stima di queste ossa
cosa pensi di me tacito
degli occhi grigi e il sangue bruno
mentre incrocio le mani,
forse le poggerò sulle ginocchia – più tardi
Non so se accavallo bene le gambe
per intero, non so bene dove mettermi
Ovunque sia il tuo pianto
ti lascio un po’ di sedia, sono qui
che mi sposto

Mentre il barbiere ti accorcia i capelli
e massaggia le guance di crema limone,
mi tormenti e guardi da uno specchio
affaticato di cose lucidi – annacquate
Ed io, non so reggermi
butto gli occhi su un quotidiano
a leggere storie di importanza alcuna
una pubblicità per essere belli.
Tiro un sospiro, lo improvviso – attendo il turno
masticandomi

Salvatore Leone 2015

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s