Ve lo immaginate ?

ve lo immaginate
io che faccio mosse da poeta
nauseato di ogni millesimo secondo
barba incolta, muso lungo
mani in basso da scongiuro
a farsi due bicchieri di troppo
cantando mezza luna
come se la sapesse
verità scombinate in fretta
nell’alito pregno di tabacco
passeggiando al barcollo
che non avrebbe alcuna ragione
il vivere, e i prati
si staccano giù da sotto

al massimo sono uno
che suda di spalle a star fermo
se troppo umido intorno
mi compete il fatto che non si dorme
è un grido il temporale, alle volte
un corvo esausto
e non si chiude occhio
il pianto dirotto è del vicino
gatto a rifarsi le unghie
sulla pelle del divano
è luce rumorosa tra le persiane
più che altri
un sonnambulo antico
che si veste di lenzuola
ve lo immaginate
io che mi prendo serio
alba e tramonto
negando effimeri sorrisi
la maniera delle braccia
allenate d’amore e argento
ve lo immaginate
io che mi siedo poeta
più che altro non si dorme
a mantenerci svegli
le nostre due risate
un mare pastoso di oro nero
incollato ai primi luminari

Salvatore Leone 2016

Advertisements

6 thoughts on “

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s