:

 

12966156_262621664077852_489985671_n

Quel maledetto profumo di rose

ne ho avuti prati ingenui
messi a soqquadro
andati alla malora dei passi
e la vergogna, un immenso cenno
piegato sulle labbra
se annaffiavo giardini carnivori
petunie artificiali dal gambo elegante
corolle bugiarde, l’indicibile azzurro
fiore cinico e solitario che si spogliava
Maddalena gelida, posata

padri, maestri e professori tutti
si sbagliarono sul giglio, la portata dell’iris
ne fecero fandonie, cultura beffarda di terra
arida, vento e miele a cospetto del chi
quando le madri, senza esclusione di colpi
partorivano bambini anemici
carenti di rose alle ossa, ai capelli

adesso m’imbarazza la mattina nel ventre
di stamane, di ieri e dell’altro
il profumo che aleggia improvviso
da queste parti, mi sveglia di soprassalto
è lo scuotere che Dio mi aveva detto
ed io, non mi ero mai creduto

Salvatore Leone 2016

 

Advertisements

4 thoughts on “:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s