d


Drudo

non do via
la bocca per nulla
a volte
smetto di scrivere
ti guardo e rimugino
di aver utilizzato ogni parola
o, almeno
quelle congeniali
per sembrare il poeta
più dispiaciuto
in circolazione, visto che
oltre al movimento degli occhi
nulla ti appartiene
né sangue, nemmeno una parola
vado avanti a licenze poetiche
e cioccolato nero
troverò un termine nuovo
e una cosa fattibile all’alba
giuro, che ti metta in piedi
togliendo il pallore
che ti sei fatto sul viso
la postura ignava
che gira, volta le spalle
innervosisce
vengo e scandisco
drudo, quanto mi piace
drudo
perché drudo, di solito
rimane

Salvatore Leone 2016

Advertisements

7 thoughts on “d

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s