+


Nel nome del padre, del figlio, e chissà

ho a portata di mano
un vento che toglie il sole
dai capelli, prontezza
di uomo che vuole darmela a bere
ammazzando il tempo
di un giorno disamorato
ho discrepanze sul viso
di un mezzo Cristo lasciato al freddo
pieno di fischi
che non conosce il gioco
delle braccia spalancate
ad onor del vero
ho preferito il sonno delle carni
difetto estremo di una posa
pizzicata dall’avvoltoio
chiunque l’avvicinasse

ho l’accortezza dell’ultimo minuto
il sudore cretino
di chi fa appena in tempo
a mettere le mani avanti
e rialzarsi

Salvatore Leone 2016

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s