.

IMG_20181206_184904


Ingiuria

Questa abitudine di scrivere
a luci spente, è oscurità
che mi porta bellezza e non riposa
gli occhi.
Ho spento la luce al putrefarsi
di lune acclamate, la parola viziata
che morde lingua e Credo.
E affidarsi al nero, pece degli specchi
o a quello dei corvi nella pioggia,
fu benedizione, e certo.
Smisi di augurare albe e divertimenti
che la saliva fredda dei battesimi
ha fatto più morti di quelli
che adorate.
Ad ogni nome, sussurrata l’ingiuria sul collo
non tutti hanno stanchezze di fuoco
alle mani, bruciando
a vivo la rosa e pietà che tocco.
Non so il malanno
febbre antica o pestilenza di fiori,
non si guarisce da tre Gorgoni alla testa,
indurendo capezzoli, adoni di ringhiera.
Tenetemi lontano da voi gli sguardi
sarebbe pietrificarvi testa e ginocchi.
Questa mia abitudine di voltarmi
in tempo, non riposa le spalle,
mi aggiro qui e non sono un imparato
al sole più accanito.

sl2018

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s