L.

20190708_163510


L

Incolpiamo fiori
portati qui dal demone, gli scarlatti
dietro a un angolo di muro
e al balzo, folate di gelsomino atterriscono
le notti. Non ho creduto in un solo fiore
posato qui dal demone, nelle sue mani odorose
che afferrano la bocca, vessato dalla zagara
ne piego lo stelo e ne mordo la corolla
in attesa di grido e sangue.
E pur s’apre al freddo degli occhi
la rosa, non le baciamo il collo,
e appassisca dilaniata
dal sole, temendo noi l’inganno
il porpora e i brandelli.

Questo fiore ebbe colpe più del demone
pur se posato dall’angelo,
e abbassiamo vesti a rose e vergini
dai seni lontani e pallidi, strappando confessioni
fino a romperne le acque.

E che grazia si condanni
e che abbia il suo patibolo.

sl2019

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s