al15


Mare bianco

Non abbiamo nulla di cui pentirci
testa bianca, la deriva delle braccia
non è luogo di perdizione
dove ho baciato il tuo sangue,
neve perfetta alla bocca
e tempia poggiata nell’acqua
lo stento di un respiro ingoiato di lato.
Non abbiamo terreferme a incolpare
non ci siamo mai persi, ti ho chiamato
dove a nessuno è venuto in mente
di cercare pietre ferme, una carcassa di manta.
Per quanto abbia smarrito l’orizzonte
so dove trovarti, in balia di lune spogliate
e non mi chiedo, non me lo chiedo
dove io sia andato a finire.

Salvatore Leone 2017

1 thought on “

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s