:

87d5cf6abb6982514ba570063bf82d21

L 21

Vengo solo a riposare le gambe
i miei ginocchi d’errante, sbucciati nei ghiacci
oppure ė deserto a me caro. Vengo da giostre di cavallucci
e musiche storte, da ubriacature a colline alte
dove ho perduto il senso nelle mani, fra tutte e due gli occhi,
e del limone Qui seduto il mare non ha odore.
Vengo a rigirare la sabbia, creo file di pietre bianche,
nell’oriente mio capovolto si spezzano in quest’ordine:
vento, poi la brezza, poi la rosa.
Nel chinarsi d’alba e dal torpore
si placano sete e dolori, brillantezze di sale
alla fronte gelida. Vengo a giocare nella sabbia
indossando alghe come collane, un cielo ricreato
da occhi neri neri.

Io sento le sirene cantare, e tu
Salgo sulle spalle dei ciclopi
Spezzo trombe d’aria con la preghiera
E tu, che fai

Da quale inferno arrivi e carnaio
Da quale giorno in mio onore
vieni con un cenno a salutare
e poca voce.

sl2019

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s