,-

detail_thumb_fe0a90e11b68f9f10b4375fc3630bd58

Lettera a Giacomo Leopardi

Caro Giacomo, io e te siamo nati
al solstizio di Giugno
sappiamo bene di quella notte
e della sua luna
luce che capita, capita, in rigoroso silenzio.
Volevo dirti del tuo giardino, il giardino
che hai abbandonato, forse non lo hai mai amato.
Delle rose martoriate dal sole, quando l’ape
straziava il giglio, è rimasto ben poco
schiene infestate dal formicolio, cruciate dall’aria.
Troppa luce, troppo caldo, troppo fresco all’ombra
si pativa incomodi nel crescere, ricordi?
Quel vegeto stato di souffrance che dicevi.
Sai, il tuo giardino si è spogliato di ogni pianta morsicata
dei passi che spremevano sangue all’erba
la scorza deflorata dal vento
non è più un vasto ospitale e non rallegra l’anima
il tuo giardino non ha saputo più soffrire
forse per ingratitudine, pigrizia
quel giorno ha smesso di germogliare

Salvatore Leone 2013

Advertisements

2 thoughts on “,-

  1. Hai scritto un colpo di pistola. E ti pare poco saperlo fare.
    Se lui leggesse forse ti inviterebbe a pranzo, per a dissertare in compagnia, che alcune risposte dette con le mani di un altro sembrano più vere.
    Detto ciò, mi sono soffermata sulla luce che capita.
    Un giorno magari scriverai del potere che qualcuno ha di accenderla a perdifiato.
    Gitti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s